Home » In Città, In evidenza, Lo stagno, Viabilità

Scivoli per diversamente abili? Maglie bocciata

16 maggio 2011 10:00

Che a Maglie si possano correggere alcune brutture, lo diciamo da tempo. Che i nostri amministratori si impegnino a correggere è meno evidente, dal momento che queste permangono e ai cittadini certo non sfuggono.
Stavolta non parliamo di buche nell’asfalto ma di attraversamenti pedonali.
E’ convinzione diffusa (dei bipedi inesigenti) che solo i diversamente abili (chiamiamoli pure handicappati se serve a capire meglio) attraversino gli scivoli appositi. E’ altrettanto diffuso l’utilizzo di tali “comodità” dell’arredo urbano da parte di bambini in passeggino e anziani con carrello della spesa.
Già lo scorso anno scrivemmo la “lettera al turista” (che puoi leggere qui) per segnalare, tra l’ironico e il sarcastico, lo stato di inaccessibilità delle strade di Maglie.
Oggi, per chi ancora ha bisogno di una foto per credere, pubblichiamo due istantanee esemplari di due inaccessibilità di luoghi cittadini molto frequentati: villa Tamborino e piazza Capece (villetta). Per entrambe, da una parte lo scivolo, in mezzo le strisce pedonali (anche se sbiadite), e dall’altra parte solo marciapiede o marciapiede con ostacoli aggiuntivi (alberi e fontana).

Villa Tamborino: Accesso per diversamente abili mancante

Piazza Capece: Accesso per diversamente abili mancante

[MW]